Dedicato a Predrag Matvejević

14457349_1014667721971518_7221347141520713896_nDomenica scorsa, il 25 settembre, mi hanno invitato qui nella mia città, Jesi, a una “festa balcanica”, che era già iniziata la sera prima, con diverse iniziative in luoghi vari. All’inizio mi avevano chiesto un discorso, un intervento, invitandomi a mettere insieme delle parole ma nonostante il forte legame emotivo, maturato oramai oltre venti anni fa verso queste terre e paesi, non mi sento né così esperto né così testimone da poter dire chissà che possa davvero interessare. Poi però ho pensato, spero a ragione, che poteva essere una buona occasione per leggere qualcosa scritto da altri, davvero figli di quelle terre e che invece spesso finiamo con il trascurare. Così ho portato un testo di Predrag Matvejević, per ricordarlo e rendergli omaggio, in questi giorni che si trova nel ritiro della sua casa tra pochi cari. Gli ho dedicato la serata e ho voluto ricordarlo o farlo conoscere a chi mi ascoltava, raccontando qualcosa di lui prima di iniziare a leggere.

Ho scelto come lettura l’inizio di un racconto che ci regalò, letteralmente, per un libro (Izbjeglice/Rifugiati) in cui avevamo raccolto testimonianze di profughi in fuga da quei paesi, o che in quei paesi magari stavano ritornando o cercando ancora di ritornare. Anche il racconto di Predrag Matvejević parlava di un ritorno, il suo, il primo dopo la guerra e dopo sette anni di esilio. Mi sembrava fosse questo, per quella serata, il modo migliore di introdurre alla Bosnia e agli altri paesi balcanici coloro che oggi sentono il desiderio o la curiosità di conoscerli meglio e di viaggiarvi. Non per rattristarli con spiacevoli ricordi ma perché credo che si viaggi meglio, e si apprezzino meglio le bellezze di un paese, quando si è ricchi di un po’ di consapevolezza in più della sua storia. Credo che così diventino un po’ più vere quelle bellezze.

E poi, subito a seguire, proprio come un viaggio che ha già preso il via, ho proseguito dopo quella prima lettura con altre tratte dal piacevole libro di Andrea Semplici e Mario Boccia, le storie di cibi e contadini di “Viaggio in Erzegovina“, i quali questa consapevolezza del viaggiare dentro l’essenza delle storie e la pienezza delle vite,  l’hanno maturata bene, nei viaggi di ieri tra la guerra o a ridosso della guerra, e poi dopo, soprattutto dopo, quando ne segui trepidante il ritorno ad una normalità che per darsi un senso deve essere qualcosa di più di quella che c’era prima. Letture molto piacevoli e divertenti ma per nulla leggere o banali, anzi un invito a guardare davvero quando si viaggia, e allora ho scelto degli spunti dalle ciliegie alica, i fagioli poljak, il cavolo raštika o la fenomenologia della rakija.

Ho fatto del mio meglio  nel leggere, non ho grande esperienza di queste cose, ma avevo ad accompagnarmi in sottofondo dei musicisti davvero bravi – Gafarov esemble quartet – ogni racconto commentato da un solo e diverso strumento. A sottolineare meglio il significato della lettura, che ho dedicato a Predrag Matvejević.  Una lettura introduttiva al concerto che poi è seguito, rendendo un vero omaggio musicale alle profondità dei paesi balcanici.

——————————————————

Ecco la parte iniziale del racconto Ritorno al mio paese natale di Predrag Matvejević che nell’economia del tempo a disposizione e della situazione ho scelto di leggere:

Nell’autunno mi sono diretto alla volta del mio paese natale, pieno di speranza. Ne sono tornato con i brividi addosso. Sono stato a Mostar e Sarajevo, in Bosnia Erzegovina. Con me c’erano degli amici: una ventina di scrittori e giornalisti italiani collegati alla Fondazione Alberto Moravia, che insieme al “Circolo 99” di Sarajevo ha organizzato il viaggio.
mostarEravamo nel 1997: il dopoguerra sembrava altrettanto duro quanto la guerra stessa.
Ci siamo imbarcati ad Ancona, abbiamo attraversato l’Adriatico. Da Spalato con un pullman siamo andati verso Mostar. Erano giorni insolitamente chiari, come se l’estate li avesse conservati per donarli al primo autunno. Il mare in questa stagione è maturo, per essere stato a lungo esposto al sole. Sono passato molte volte per questi luoghi, mi sembra di conoscere ogni insenatura ai piedi del Mosor e di Biokovo, da Spalato fino a Dubrovnik. Ci siamo fermati a Makarska, davanti all’immagine del canale di Lesina: mi scopro a contemplare la lunga punta dell’isola di fronte; il blu molto forte fra le due rive; vecchie funi sommerse.
Dalmazia.
Perlustriamo l’estuario della Neretva, i piccoli e grandi rami del fiume dove ho remato nelle “trupce”, le barchette del luogo. Ci fermiamo dinanzi alle rocce di Pocitelj: paesino musulmano, la moschea senza minareto, l’ “hamam” orientale senza fontana. All’ingresso c’è un grande crocifisso nuovo, e ce n’è un altro, più piccolo in cima alla fortezza turca: segni che questo posto appartiene alla fede cristiana e non a quella islamica, alla “Herceg-Bosna” e non alla Bosnia Erzegovina. Incontriamo dei pellegrini venuti per inginocchiarsi davanti alla Madonna, nel santuario di Medjugorje, vicino a questi luoghi. Si troverà qualcuno che gli spieghi perché è stato distrutto il tempio musulmano e chi ha messo quel crocifisso all’entrata in Pocitelj? E chissà se vogliono sentirselo dire o possono capirlo.
Gli amici con cui viaggio chiedono spiegazioni e io cerco di dargliele nella forma più semplice, avvertendo che ogni mia risposta è insufficiente.
Nello spazio che stiamo attraversando lo scisma ha spaccato l’Europa e il Mediterraneo. Ha diviso i cristiani ortodossi dai cattolici. In questi luoghi il cristianesimo e l’islam si sono incontrati e scontrati. La diversità delle fedi si è andata trasformando in contrapposizione, la contrapposizione in intolleranza, l’intolleranza in odio. Questa guerra non è di religione, ma alle sue radici, oltre al resto, stanno anche differenze e contrapposizioni collegate alla fede. I più primitivi hanno ereditato l’intolleranza e l’odio.
E tuttavia la maggioranza degli abitanti di questo territorio non si odiavano fra loro. Vivevano e morivano gli uni accanto agli altri, per lo più in pace e comprensione. Siamo affini per origine, parliamo la stessa lingua, ci assomigliamo. Questa guerra l’hanno cominciata i “serbi ortodossi”, l’hanno continuata i “croati cattolici”. Metto gli uni e gli altri fra virgolette: non si tratta infatti né di serbi né di croati e ancora meno di ortodossi e cattolici.
Essi sono per me solo fascisti.
Siamo passati accanto a Zitomislici, dove è bruciato il vecchio monastero ortodosso. Era sopravvissuto alla prepotenza turca, non a quella odierna. Non c’è nessuno che sia in grado di dirmi se le icone contenute nella sua raccolta siano state messe al riparo prima dell’incendio. Neppure le chiese cattoliche sono state risparmiate. E le moschee musulmane sono state distrutte dai cristiani dell’una e dell’altra confessione.
Nei pressi di Metkovic passiamo il confine e la dogana (che prima in quel punto non c’era). 
(…) L’entrata a Mostar mi ha scosso. Non ci venivo più da sette anni. Sapevo che metà della città era distrutta, ma non potevo credere che fosse proprio così. Sollevo da terra schegge di pietra, sbriciolate e sparpagliate. Tasto muri, crepati e squarciati. Passo le dita su quelle superfici ruvide come fossero ferite, e non credo ai miei occhi. “Le immagini della realtà” che abbiamo guardato per tanto tempo hanno due dimensioni: la realtà stessa ne contiene molte di più. Nei quartieri più distrutti, sono scomparsi i segni e i connotati dei luoghi e degli spazi. Dove mi trovo, com’è questo, e qui prima c’era? Mi tradisce quella topografia interiore che ci formiamo nell’infanzia, ma forse sono io a tradirla.
O mia città, sei proprio tu?
C’era gente di ogni sorta qui come altrove, soprattutto nei dintorni, che non aveva saputo avvicinarsi alla città o per contro la città non aveva potuto attirare. Ma nonostante tutto non c’era ragione alcuna perché tutto questo dovesse accadere, e in questo modo: perché si distruggessero le case, i templi, i ponti, il Vecchio ponte sulla Neretva.
Ogni spiegazione mi appare sconveniente.
La guerra non ha bisogno di moventi particolari per cominciare e per giustificarsi (per tentare di giustificarsi). Ad un certo punto si nutre della propria insensatezza e malvagità. Le conseguenze diventano nuove motivazioni, e queste provocano a loro volta nuove conseguenze: il male si rafforza e si conferma col male. Un’alternanza di tale genere non si può arrestare. Simili guerre durano anche dopo che sono state deposte le armi.

 

Annunci

Informazioni su Tullio Bugari

https://tulliobugari.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in JUGOSCHEGGE e dintorni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...