Primo Maggio, la Staffetta è arrivata a Pesaro (29)

Sì, è proprio così, la quarta edizione della Staffetta della Memoria si è conclusa oggi pomeriggio a Pesaro. Edizione riuscitissima, nonostante il meteo avverso e la tanta pioggia, non è stato saltato un solo metro del percorso programmato. Buonissimo anche il clima nel gruppo, quest’anno più numeroso delle edizioni precedenti, con diversi nuovi entrati. Questa mattina, dopo il trasferimento con i furgoni da Badia Tedalda a Mercatale,  lunga pedalata a scendere verso il mare, con deviazioni in alcuni luoghi importanti. Ci siamo arrampicati a Tavoleto, luogo di un’importante battaglia nel ’44, ci siamo fermati a Montegridolfo, al museo della Linea dei Goti (nella foto qui sotto), nella zona della battaglia di Rimini e Coriano, abbiamo fatto altre due soste, dopo Tavullia al monumento  quota 204 e a Montecchio al cimitero canadese, poi nel primissimo pomeriggio ingresso al Parco Miralfiore di Pesaro, dove era in corso la festa per il 1° Maggio.

image

Pare che in questi sette giorni il percorso pedalato sia stato circa di 380 km complessivi, per un dislivello totale di circa 8.500 metri. Il percorso degli autisti – anzi,  delle autiste – è stato lungo almeno il triplo, tra trasferimenti dell’intero gruppo, deviazioni verso le scuole che ci aspettavano e altre soste tecniche.

Il bilancio? A mio avviso positivo, ma ecco alcuni primi pensieri dei partecipanti, raccolti durante la stessa giornata di oggi.

“Come sempre, un viaggio emozionante – dice Lorenza, che ci ha seguito in furgone e si è occupata, insieme ad altri della logistica – istruttivo, coinvolgente, divertente: è valsa la pena partecipare “alle dure selezioni di autista/vivandiera” dell’edizione 2014 della Staffetta della Memoria.”

“Ed anche la staffetta 2014 è scivolata via a suon di pedalate!!” aggiunge Paola, una delle due cicliste di questa edizione: “Devo ammettere che il “secondo giro” (è la seconda edizione a cui ho il piacere di partecipare) è stato sopra ogni aspettativa… in quanto mi ha consentito di far “ordine” di tutte le esperienze vissute e, passatemi il termine, immagazzinate nella precedente staffettata… oltre, ovviamente, a raccoglierne delle nuov … e sempre emozionanti!  Tirando le somme della settimana, direi che nel mio “zaino” ripongo quest’oggi la maggior consapevolezza che la nostra libertà è stata il frutto del sacrificio di tante vite di uomini e donne che hanno creduto nei loro ideali fino in fondo.  Lascio, invece, quella presunzione di sentirsi “arrivati”, ovvero non più necessitanti di conoscenze, perché le testimonianze di coloro che hanno lottato per la resistenza, che abbiamo raccolto in modo diretto o indiretto, durante il tragitto della Linea Gotica in questa settimana, ci ricordano, al contrario, l’importanza della diffusione della memoria! Buon primo maggio a tutti!

 

Annunci

Informazioni su Tullio Bugari

https://tulliobugari.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in STAFFETTA 2014. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...