“Il costo della vita”, incontro con Angelo Ferracuti

LETTURE PER LOTTARE. Secondo incontro, con Angelo Ferracuti, autore di “Il costo della vita. Storia di una tragedia operaia.” –  Mi sembrava di ascoltare lo stesso modo di narrare e di entrare nelle situazioni, di cui qualche giorno fa ci parlava Pino Berteli, con le sue foto. “Sono un po’ un debitore indiretto di Mario Dondero, le cui foto illustrano il mio libro, diceva ieri sera Angelo Ferracuti:  1 432Uso anch’io quella che Dondero chiama la strategia dell’avvicinamento, della graduale messa a fuoco, quell’avvicinarsi lento alle persone, alla loro storia. Alla verità, per quanto più può essere possibile.”  E allora ecco la storia del suo libro, dei giri per Ravenna, sui luoghi, con i testimoni di allora, le ricostruzioni di quanto avvenne, gli incontri con i familiari delle vittime alle prese con il loro vuoto e con quella parte della loro vita rimasta bloccata  ad allora. Come la stanza del figlio, che la madre ha lasciato come era venticinque anni prima, con tutte le cose del figlio. Oppure il viaggio di Ferracuti  a Il Cairo, dove in modo fortunoso e picaresco, lasciandosi quasi trascinare per mano dalla sorte, riesce a rintracciare i familiari di un ragazzo egiziano, uno dei 13 operai morti sulla gasiera Mecnavi. E ogni volta, ad ogni incontro, un’emozione di tipo particolare, intensa, che ti prende, quando la storia di una persona decide di aprirsi e condividersi con te, che durante questo lento avvicinamento ti sei preparato all’ascolto di quella storia, che ora vedi uscire dall’isolamento in cui si è trovata confinata, con il rischio di perdersi. Ora può diventare un racconto. “Letture per lottare”, ricostruire il senso, non dimenticare mai che le tragedie non nascono dal nulla o da una sorte matrigna e asettica, senza nome, ma da situazioni sociali create per il profitto di alcuni. Il racconto di quella madre che in quella lontana mattina dell’incidente riceve la visita di un impiegato della ditta che ha appena assunto il figlio. Il cadavere non è stato ancora recuperato e l’addetto aziendale chiede a sua madre il libretto di lavoro, perché ancora non hanno regolarizzato il contratto del figlio. Non è il solo delle 13 vittime in questa situazione, ce ne sono altri, perché alla fine degli anni Ottanta sta già diventando una regola essere assunti così in questo paese. Perché non l’avete chiesto a lui, domanda la madre ancora ignara, e ancora riconoscente per quell’assunzione. Sta lavorando, non possiamo disturbarlo, risponde  asettico l’inviato dalla ditta. Magari per farsi più convincente, m’immagino io, anche ammiccando un mezzo sorriso, misto di non si sa che cosa. Ecco, un esempio tra i tanti, riportati nel libro e ricordati ieri sera da Angelo Ferracuti durante la lunga chiacchierata, introdotta da Lorenzo Verdolini e accompagnata da Giuseppe Ciarrocchi, della Fiom Marche. Una sala di nuovo molto piena e attenta, a questo secondo incontro di Letture per Lottare. Tanti i temi toccati, dall’importanza di raccogliere le storie e di attingere direttamente dalla memoria orale – per usare un’espressione dell’autore – al ruolo dei libri, a come evitare di cadere nella retorica solo commemorativa ma cercando di rendere la memoria viva, pensando a come costruire il  futuro. Difficile riassumere qui tutto “il senso” dell’incontro, di cui far tesoro per ritrasmetterlo nel tempo il più a lungo possibile, e nelle forme più adeguate che sarà possibile trovare.

Il primo capitolo del libro: http://ilcostodellavita.blog.rassegna.it/2013/05/25/1510-il-costo-della-vita/

Annunci

Informazioni su Tullio Bugari

https://tulliobugari.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Indignatevi, LETTURE PER LOTTARE, LIBRI, memorie e dintorni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Il costo della vita”, incontro con Angelo Ferracuti

  1. Pingback: 12 dicembre, il giorno delle stragi | tulliobugari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...