Pietrapertosa, Erto, Lampedusa: che cosa hanno in comune?

Sono in partenza per Erto, diga del Vajont, per la nona veglia della memoria organizzata dai cittadini per la memoria del Vajont. Controllo la posta, email e Fb, gli ultimi scambi informativi con gli amici che dovrò incontrare già lungo la strda. Entro in FB – in questo calderone, ci vogliono mani più abili di un chirurgo per trovare tracce buone – e leggo nell’ordine un post dell’Espreso che raccoglie adesioni per il nobel della pace a Lampedusa – giá oltre 25 mila adesioni – Poi un post di laura Ricciardi, giovane deputata – o è al Senato? – di Fano: brutta giornata, dice, dopo i gravi fatti di Lampedusa e i fiumi di retorica sparsi, a Fano un giovane è stato travolto dalla Freccia Rossa, troppo veloce quando attravers stazioni senza fermarsi, perché la velocità va sempre di fretta. Poi leggo un post dell’amico Pietro Cirillo, con il link dellarticolo su Pieteapertosa. Ci sono stato, l’estate scorsa, si lanciano da lì i temerari del volo dell’angelo. Che cosa hanno in comune? Lampedusa, Erto, Pieteapertosa? Potrei aggiungere anche Pracchia, così piccolo che non è nemmeno comune, e tanti altri. Son l’altra Italia, quella delle piccole comunità, sempre abbandonate, che quando c’è da farsi avanti non si tirano indietro, come capita pra a Lampedusa. Mentre tutto il resto corre veloce, come quel treno che travolge al suo passaggio. L’Italia delle piccole opere, della messa in sicurezza, delle nostre storie e della nostra cultura, dell’identita che per smemoratezza rischiamo di perdere. Quell’altra Italia abituata a non fidarsi e quindi diffidente, ma solo in apparenza, perchè poi è capace di un’accoglienza senza condizioni, Dallaltra parte c’è quella Italia che finge di lavorare in grande, delle grandi opere, delle alte velocita, della ripresa sempre nascosta dietro l’angolo, dei sacrifici necessari per uscire dal tunnel. Già, il tunnel, potenza delle metafore. Pieteapertosa, certo, anche Pietrapertosa. Dove sit trova? Una volta c’era una linea ferroviaria da quelle parti, ne parlava Iacona su Presa Diretta la settimana scorsa. Ecco, un oo’ delle cose che legano queste realtá.

Annunci

Informazioni su Tullio Bugari

https://tulliobugari.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in Indignatevi, Lucania, Mediterraneo, memorie e dintorni, Storie contadine, Vajont. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...