Assalto al treno

1Questo sabato mattina, 2 febbraio, si è tenuta alla stazione di Albacina (Fabriano) una cerimonia organizzata dall’Anpi per ricordare l’assalto al treno da parte dei gruppi partigiani della zona, esattamente 69 anni fa.  La cerimonia è avvenuta a fianco della stazione, davanti al cippo che ricorda due dei partigiani caduti quel giorno, Attilio Rosselli ed Ercole Ferranti; alcuni ricordano che ci fosse stato anche un terzo caduto, un partigiano slavo di cui non si è perso il nome.

53Hanno ricordato gli eventi di allora, l’importanza che ebbero e il significato che ancora hanno oggi,  il Presidente dell’Anpi di Fabriano Giacomo Scortichini, il Sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola e il Presidente dell’Anpi provinciale di Ancona Alessandro Bianchini.
Alvaro Rossi, Presidente dell’Anpi di Sassoferrato ha fatto una lunga ricostruzione storica, ricordando anche come di questo episodio importante in realtà si sia sempre parlato poco, tanto che ancora oggi si sente il bisogno di ricostruire con maggiore accuratezza i dettagli e le fasi di quella che fu un’operazione complessa: “conosciamo la sintesi ma non è stata ancora scritta la sceneggiatura completa”, ha sottolineato, lanciando un appello per sollecitare la ripresa di una ricerca più completa che consenta di valorizzare in modo più pieno l’episodio, mettendo insieme i resoconti ancora sparsi, raccogliendo le testimonianze che ancora esistono e provando a raccogliere nuova documentazione negli archivi storici. Ha concluso gli interventi il Presidente dell’Anpi Marche Claudio Maderloni. Tra i presenti, Angelo Falzetti, uno dei testimoni attivo di quella lontana giornata.

stazionePersonalmente, ho conosciuto per la prima volta questa storia attraverso la ricostruzione, presentata nella forma del racconto illustrato (da cui ho tratto le due immagini  qui a fianco), negli albi “In bicicletta sulla linea gotica“, prodotto nel 2102 e distribuito agli alunni delle scuole incontrate in occasione dell’edizione 2012 della “Staffetta della Memoria” lungo la Linea Gotica, tra Toscana, Emilia e Marche.
Nello stesso quaderno ci sono anche il racconto “La guerra e la Resistenza spiegata ai bambini” e poi la sezione “La Costituzione spiegata ai bambini”, con un testo introduttivo  e poi dodici pagine, ciascuna con uno dei primi 12 articoli e il resto della pagina bianca, per lasciare ai bambini la possibilità di illustrare l’articolo con un disegno. Diversi alunni delle classi incontrate hanno riempito le pagine con i loro disegni e in questi mesi ce li hanno mandati. Nella prossima edizione della “Staffetta li incontreremo di nuovo.

Dell’assalto al treno ad Albacina ne parla anche uno degli organizzatori della Staffetta, Francesco – perché in quel gruppo di partigiani c’era suo nonno – nel libro che ho tratto dalla cronaca di viaggio dello scorso anno, dove racconto e descrivo i sentieri della Linea Gotica; il libro sarà pronto per il prossimo mese in aprile, in tempo prima della terza edizione 2013, sempre dal 25 aprile al 1° maggio.

ScansioneL’assalto al treno avvenne invece nella nostra regione. L’azione -che accadde proprio in questi stessi giorni dell’anno, tra gennaio e febbraio del 1944 – fu una delle più importanti della Resistenza in queste zone e permise di liberare circa 600 o 700 giovani (720 è la cifra ufficiale riportata nel cippo) che erano stati arruolati per essere inviati – forse per combattere, forse per essere utilizzati al lavoro forzato – sul fronte tedesco a sud di Pescara, dopo lo sbarco degli Alleati ad Anzio il 22 gennaio. Presero parte all’azione una cinquantina di partigiani della zona del Monte San Vicino, probabilmente dei gruppi “Lupo”, “Porcarella” e del Battaglione “Mario”.  L’azione andava propagandata e uscirono subito le prime cronache sul giornale clandestino “La Riscossa“.

————————————————-

Il Partigiano Angelo Falzetti – che vediamo in mezzo a tutti noi nelle foto qui sopra, alla cerimonia dell’assalto al treno di appena due mesi fa –  si è spento il 16 aprile all’età di 87 anni. Angelo nel ricordo personale del Presidente dell’Anpi di Fabriano, Giacomo Scortechini.

Annunci

Informazioni su Tullio Bugari

https://tulliobugari.wordpress.com/
Questa voce è stata pubblicata in LUNGO LA LINEA GOTICA, memorie e dintorni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Assalto al treno

  1. Pingback: “Mi firmo compagno Giulio” | tulliobugari

  2. Pingback: Assalto treno (Albacina, 2014) | tulliobugari

  3. Pingback: Engles Profili – 22 aprile 1944/2014 | tulliobugari

  4. Pingback: Assalto al treno (2015) | tulliobugari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...